FuorigrottaToday

"Ci gettiamo nel vuoto": protesta choc nel mercatino di Fuorigrotta

Quattro donne hanno visto i loro box chiusi per pericolo di crolli, e da allora non lavorano più. La struttura è fatiscente e sempre meno frequentata

La protesta (foto F.Borrelli)

Protesta, stamane, degli esercenti del Mercato Metastasio a Fuorigrotta. Alcuni di essi si sono arrampicati sui tetti della struttura minacciando di lanciarsi nel vuoto.

Un ex centro profughi di 36mila metri quadri, con pannelli solari, parcheggi, una chiesa, un campetto e la sede della polizia municipale: soltanto sette anni fa area all'avanguardia, adesso è preda di infiltrazioni d’acqua causate da una falda sotterranea, incuria, sporcizia.

"Stamane c'è stata una nuova e clamorosa protesta di alcuni mercatali che dopo la chiusura per pericolo di crollo di 18 box non possono più lavorare - raccontano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della Radiazza - Quattro donne che hanno da giorni i loro box chiusi e non gli è stato assegnato un nuovo luogo dove poter svolgere la propria attività, prese dalla disperazione sono salite sul tetto dell'edificio pericolante minacciando di gettarsi giù o di farlo crollare. In molti sono stanchi dell’immobilismo delle istituzioni".

Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco, la municipale ed il 118. Fino al primo pomeriggio le donne non sono scese, peraltro pericolanti. "E' bene ricordate che il mercato Metastasio di Fuorigrotta - continuano Borrelli e Simioli - dopo i lavori era stato presentato nel 2010 come composto da un'area al coperto, con circa 200 box, ed un'area scoperta nella quale dovevano trovare posto oltre 100 operatori"

Un luogo all'avanguardia, che però sta cadendo a pezzi. "Il centro sta gradualmente chiudendo per per i pericoli di crollo - spiegano i due autori della denuncia - Addirittura il terreno dove è stato realizzato, che è di proprietà della Regione Campania, risulterebbe non idoneo".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di lina
    lina

    E si sapeva che prima o poi sarebbe successo gia la vita è dura x la disoccupazione ma ci si mettono anche i baztardi che come al solito x guadagnare riescono a costruire dove non si può e rovinare la vita alle persone io prenderei tutti quelli che hanno realizzato questo progetto e li farei demolire insieme al mercatino che schifo questa e l Italia a noi non ci tutela nessuno mi vergogno di essere italiana ma sempre orgogliosa e fiera di essere napoletana .combattete non vi arrendere fatevi sentire non avete paura

  • Avatar anonimo di antonio
    antonio

    Se il mercatino sta crollando è semplice trovare i colpevoli. Arrestati gli ingegneri che hanno realizzato la struttura e chi ha firmatoi colaudi.forse è una soluzione troppo semplice. Vall a truva'

  • Avatar anonimo di Paolo
    Paolo

    Lo Stato è fallito! Pagare le tasse serve solo ad arricchire gli investitori delle banche del Nord Europa. Popolo impoverito, non ti resta altro che scendere in guerra contro l'Italia, i politici e le tasse!

  • Avatar anonimo di eugenio
    eugenio

    lo  stato è  assente,la  municipalità dove  sta. il  comando  dei  vigili urbani  è un pisciatoio a  cielo  aperto, la  differenziata  è un miraggio nel mercatino, è  questi sono i  risultati. 

Notizie di oggi

  • Attualità

    Insulti razzisti ad una guida turistica napoletana: lei lascia

  • Cronaca

    Scomparsi in Messico: «Salvini, anche noi siamo italiani»

  • Cronaca

    Reparto chiuso per la festa del primario: respinto il ricorso

  • Cronaca

    La cresima si prepara sui social: l'idea di un parroco

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'epicentro a Pozzuoli

  • Svelato dove conduce la misteriosa passerella di Piazza Dante!

  • San Gennaro, il sangue si è sciolto: l'annuncio alle 10:07

  • Tremendo incidente a Fuorigrotta, centauro travolto e ucciso

  • Stella Rossa-Napoli: dove vedere la partita

  • Paura sulla Tangenziale, furgone finisce fuori strada e poi contro un muro

Torna su
NapoliToday è in caricamento