FuorigrottaToday

Spunta il parcheggiatore abusivo di caschi a due passi dal San Paolo

La scoperta ad opera dei Carabinieri della Compagnia di Bagnoli nella zona di Via Cinthia. I caschi dei motociclisti che assistono alla partita vengono "parcheggiati" in alcune auto in sosta al prezzo di 2 euro

Un casco

Dopo i parcheggiatori abusivi di auto e motorini, nasce a Napoli una nuova ed inedita figura, quella del "parcheggiatore di caschi". Al primo ascolto, la cosa potrebbe sembrare uno scherzo, ma in realtà il proliferare della "singolare pratica" è quanto mai reale ed è stato accertato ieri sera dai Carabinieri della Compagnia di Bagnoli nella zona di Via Cinthia a Fuorigrotta.

I militari hanno infatti rinvenuto due auto in sosta piene zeppe di caschi. Nelle vicinanze, gruppi di motorini e scooter. I caschi, contenuti all'interno delle vetture, appartenevano tutti a cittadini-tifosi che allo stadio San Paolo si erano recati in moto e ai quali non è concesso portarli sugli spalti perché vietato.

I parcheggiatori abusivi partenopei, come riferisce l'Ansa, hanno fiutato l'affare e in aggiunta ai tre euro per il parcheggio del mezzo, ne chiedono altri due per "parcheggiare" anche il casco in una automobile.

Già nello scorso mese di ottobre, i Carabinieri della compagnia Centro, avevano scoperto il fenomeno della prenotazione del parcheggio abusivo "via sms".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento