FuorigrottaToday

Grande Edenlandia, tante idee a Palazzo San Giacomo

Il punto della situazione sulla questione del fallimento della società che gestisce il parco giochi e lo zoo. Si studia un progetto sostenibile dal punto di vista economico ed ambientale

Edenlandia

Ieri a Palazzo San Giacomo è stato fatto il punto della situazione sulla questione del fallimento della società che gestisce Edenlandia e Zoo, strutture storiche nel cuore di Fuorigrotta. Per l'occasione l'assessore alle Attività Produttive, Marco Esposito, ha incontrato un gruppo di associazioni e movimenti civici per discutere della possibilità della costruzione di un nuovo grande parco e del futuro dei dipendenti e degli animali ospitati nello Zoo.

Al momento l'amministrazione comunale smentisce il rischio di cementificazione della zona. Le intenzioni, semmai, sarebbero quelle di costruire una "grande Edenlandia" ed ospitare animali che non c'è bisogno di tenere in gabbia sul modello di alcune grandi strutture dell'Europa.

 L'amministrazione si è dichiarata aperta ad ascoltare qualsivoglia tipo di idea per il futuro di Edenlandia e dello Zoo cercando di salvaguardare, o meglio di sviluppare, i livelli occupazionali e mettere in piedi un progetto sostenibile dal punto di vista economico ed ambientale. Intanto procede l'iter fallimentare della società che controlla Edenlandia e il Comune sta monitorando la situazione in vista del prossimo 22 novembre quando sarà chiesta una proroga ai curatori fallimentari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel calcio a 5 napoletano, si è spento l'ex portiere della Nazionale Antonio Capuozzo

  • Madre e figlia dormono in auto, l'appello: "Non hanno più soldi. Sono da mesi in queste condizioni"

  • Scontro treni Metro Linea 1, feriti trasportati in ospedale

  • Lutto a Pianura: si è spento il poliziotto Gaetano Senarcia

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

  • Le imprese cercano 31mila dipendenti in provincia di Napoli, ma non riescono a trovarli

Torna su
NapoliToday è in caricamento