FuorigrottaToday

Concessionaria non consegna Bmw ai clienti: scatta la denuncia

L'azienda di viale Kennedy in grave crisi finanziaria. Dieci automobilisti ritengono di essere stati truffati, ma il titolare rassicura i clienti: "I problemi saranno risolti"

Una concessionaria

Dopo aver versato consistenti anticipi o addirittura pagato per intero un'auto nuova, sono rimasti a piedi. Il motivo? La concessionaria è in crisi e non può consegnare le vetture. Così una decina di automobilisti hanno dato mandato ai propri legali per presentare una denuncia in Procura: saranno dunque i pm a valutare la sussistenza di eventuali reati, come la truffa.

La vicenda riguarda una concessionaria Bmw, la Net di viale Kennedy, che appartiene alla famiglia Pelli, noto quanto storico gruppo imprenditoriale napoletano. La concessionaria, secondo quanto si legge in un esposto, ha venduto auto ai clienti senza rivelare l'esistenza di gravi problemi finanziari. Dopo averla rinviata più volte con motivazioni vaghe, i venditori sono stati costretti ad ammettere che la consegna dei veicoli era sospesa sine die mentre i dipendenti sono finiti in cassa integrazione.

Inutili le proteste degli acquirent. Di qui la decisione di rivolgersi alla magistratura. Il titolare della Net, Bruno Pelli, ha voluto comunque rassicurare i clienti e attribuisce la responsabilità della mancata consegna ai dipendenti: "Hanno indetto uno sciopero e materialmente non siamo in grado di far funzionare la concessionaria". (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Ora legale, lancette in avanti di un'ora: la data

Torna su
NapoliToday è in caricamento