FuorigrottaToday

Bagnoli, la perizia del Tribunale sulla bonifica: "Opera incompiuta"

Secondo l'esperto incaricato, non solo i terreni non sono stati bonificati se non in parte, ma in alcuni luoghi dell'area ex Italsider le concentrazioni di inquinanti sono addirittura aumentate

Si ritiene che gli interventi di bonifica certificati, così come realizzati abbiano compromesso la futura fruibilità dei luoghi, perlomeno quelli a destinazione d’uso residenziale, arrivando talora a incrementare le concentrazioni esistenti prima della bonifica”. Così la perizia del Tribunale sulla bonifica effettuata negli scorsi anni a Bagnoli, il cui processo è alle battute finali.

Parole che colpiscono: di fatto, secondo il perito incaricato dai giudici (Claudio Galli, geologo) non solo i terreni non sono stati bonificati se non in parte, ma in alcuni luoghi dell'area ex Italsider le concentrazioni di inquinanti sono addirittura aumentate.

Una delle aree in questione, ad uso residenziale, è quella del Parco urbano. “Tale compromissione - precisa Galli - determina la necessità di una nuova attività di caratterizzazione e di bonifica/messa in sicurezza". "Nel 90% dei campioni (18 su 20) rilevati tenori ampiamente superiori agli obiettivi di bonifica previsti".

La relazione contiene comunque anche riferimenti ad aree effettivamente bonificate, mostrando quindi un quadro tra luci e ombre. Andrà valutata con attenzione da pm, avvocati e giudici. Il processo riprenderà il 17 marzo prossimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Madre e figlia dormono in auto, l'appello: "Non hanno più soldi. Sono da mesi in queste condizioni"

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Scontro treni Metro Linea 1, feriti trasportati in ospedale

  • Lutto a Pianura: si è spento il poliziotto Gaetano Senarcia

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

  • Boato in un appartamento, esplode bombola: ferito 30enne

Torna su
NapoliToday è in caricamento