FuorigrottaToday

Disastro ambientale a Bagnoli, la sentenza: sei condanne

Le pene inflitte, dai due ai quattro anni di carcere, sono inferiori a quanto richiesto dai pm. I principali reati di cui sono stati dichiarati colpevoli gli imputati sono disastro ambientale e truffa

Sei condanne, con pene che variano dai quattro ai due anni di reclusione. Si tratta di quanto ha deciso il Tribunale a proposito del processo Bagnolifutura, che vedeva imputati le principali figure della Stu cui era stata affidata bonifica e riqualificazione del quartiere di Napoli Ovest.

La sentenza è stata emessa dalla sesta sezione del Tribunale di Napoli, che ha inoltre disposto anche la revoca del sequestro dell'area. I principali reati contestati sono di disastro ambientale e truffa.

Il presidente Civitillo: "Pene morbide, ma ci hanno dato ragione"

Le pene inflitte ai processati sono inferiori a quanto richiesto dai pm, perché il "disastro amvientale" è stato riconosciuto come colposo e non doloso. Quattro anni per Gianfranco Caligiuri, direttore tecnico di Bagnolifutura; due anni per l’ex direttore generale Mario Hubler (dal 2007); tre anni per Sabatino Santangelo, ex presidente di Bagnolifutura e vicesindaco di Napoli; due anni per l’ex direttore generale del Ministero dell’Ambiente Gianfranco Mascazzini; due anni per Giuseppe Pulli, coordinatore del dipartimento ambiente del Comune di Napoli; tre anni per Alfonso De Nardo, dirigente dell'Arpac. 

L'attesa per la sentenza di primo grado

Il processo era iniziato nel 2013, quando peraltro è stata sequestrata l'area. Il pm aveva chiesto 8 anni di reclusione per Gianfranco Caligiuri; 4 anni e 6 mesi per Mario Hubler; 6 anni per Gianfranco Mascazzini; 5 anni e 6 mesi per Sabatino Santangelo; 5 anni e 6 mesi per Maria Palumbo (invece assolta); 5 anni per Maria Teresa Anna Celano; 5 anni e 8 mesi per Alfonso De Nardo; 5 anni per Giuseppe Pulli. Assoluzione era stata invece chiesta per gli altri accusati.

Le pene richieste dai pm

Alla lettura della sentenza hanno assistito alcuni esponenti del comitato "Bagnoli libera”, i quali avevano anche organizzato un sit in all'esterno del tribunale.

Bagnoli Libera, il commento alla sentenza degli attivisti

Potrebbe interessarti

  • Ecco perché le zanzare pungono proprio te

  • Ragno violino: come difendersi e cosa fare in caso di morso

  • Cardarelli: presto visite ed esami si prenoteranno nella farmacia vicino casa

  • Come eliminare la puzza dal tuo bidone della spazzatura

I più letti della settimana

  • Lancia la figlia dal 2° piano e si butta giù: morta sul colpo la bimba di 16 mesi

  • Fuorigrotta, tragico incidente stradale: muore una 15enne

  • Furto nel Centro Commerciale, ragazza inseguita e arrestata dai carabinieri

  • Caos in via Rosaroll, aggressione e spari: feriti due poliziotti e un cane

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 15 al 19 luglio 2019

  • Orrore San Gennaro Vesuviano, la ricostruzione dalla tragedia

Torna su
NapoliToday è in caricamento