FuorigrottaToday

Fiere e tempo libero: la Mostra d'Oltremare diventa “Isola Mediterranea”

Presentato oggi dall'Ente Mostra il progetto volto a trasformare il polo in un "hub" per imprese ed associazioni. Critica la Camera di Commercio: per Maddaloni "mancano garanzie perché l'idea si realizzi"

Mostra d'Oltremare

La Mostra d'Oltremare di Napoli cambia veste: il polo fieristico sarà affiancato da uno spazio per il tempo libero, in modo da trasformare l'area ne “L'isola mediterranea” della città, dove cittadini e turisti potranno fruire di un luogo aperto per vivere anche arte, cultura e musica. L'Isola Mediterranea è stata presentata stamane al Teatro Mediterraneo dal presidente dell'Ente Mostra Andrea Rea. Presenti anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, il presidente della Camera di Commercio Maurizio Maddaloni e l'assessore regionale al Turismo Pasquale Sommese.

L'idea è quella di trasformare lo spazio in un “hub” per imprese e associazioni. Forte di un flusso di oltre 800mila visitatori l'anno, la Mostra offrirà nuove opportunità in termini di spazi e servizi. “Vogliamo – ha spiegato Andrea Rea – che questo luogo sia aperto alla città con funzioni d'uso diverse e complementari; le strutture possono essere utilizzate in modo da permettere la più completa soddisfazione di bisogni integrati degli utenti, degli operatori culturali, dei ricercatori e di quanti vorranno fare business innovativo, mettersi in connessione con altri settori dell'economia, o semplicemente scambiare conoscenze e progetti”.

“Nel 2014 ci sarà il rilancio complessivo di quest'area – ha aggiunto il sindaco de Magistris – la Mostra da gennaio resterà aperta sempre, deve essere un luogo per la città, una parte importante dell'area occidentale, e poi si deve puntare tantissimo sui convegni sulle fiere, sulle iniziative e gli spazi aperti”. “La Mostra è talmente grande – ha concluso de Magistris – che si può e si deve fare tutto e si potrà sostenere autonomamente con le tante iniziative”. Attraverso un protocollo d'intesa, inoltre, Cnr ed Università Federico II promuoveranno e supporteranno la Mostra d'Oltremare nello sviluppo di progetti di riqualificazione, valorizzazione e trasformazione del patrimonio edilizio attraverso Blue Green Technologies.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Critico Maurizio Maddaloni: “L'ente camerale, socio istituzionale della Mostra d'Oltremare – ha spiegato – pur apprezzando il lavoro svolto, è persuaso che al momento non vi siano elementi sufficienti a fornire adeguate garanzie affinché il piano industriale e il progetto illustrato oggi possa essere realisticamente attuato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Tenta una violenza sessuale in piena piazza Garibaldi: denunciato

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento