FuorigrottaToday

Bagnoli, Lettieri si candida a commissario: “Spiaggia pubblica e no ai privati”

Il capo dell'opposizione a via Verdi racconta di avere un suo progetto per il quartiere flegreo. Il cambio di rotta è drastico: "Dev'essere la spiaggia dei napoletani, rimuovendo la colmata. No all'intervento dei privati"

Gianni Lettieri

Gianni Lettieri, storico avversario di Luigi de Magistris e della sua amministrazione in consiglio comunale, ha un suo progetto per Bagnoli, quartiere della cui riqualificazione sarebbe “assolutamente pronto” ad occuparsi come commissario. L'imprenditore e leader di Forza Italia in consiglio comunale punta all'incarico di commissario per la riqualificazione, carica – ideata dal governo nell'ambito del decreto Sblocca Italia – della quale palazzo Chigi per ora pare non riuscire a riempire la casella.

Lettieri racconta di aver presentato un progetto su Bagnoli pochi mesi fa, “dettagliato” e “redatto con urbanisti ed economisti di livello internazionale”. “Io non faccio opposizione sterile ma propongo, indico soluzioni – spiega – Bagnoli deve tornare a essere la spiaggia dei napoletani, rimuovendo la colmata. Ho detto cosa fare, come farlo e dove prendere i soldi. L'ho spiegato anche a Renzi quando ci siamo visti a novembre in Atitech”.

Il quartiere flegreo è “una opportunità per questa città”, spiega ancora Lettieri, “non si può permettere a un immobiliarista che venga da fuori di prendere i terreni, investire, costruire, rivendere, guadagnare e andarsene”. “Napoli è l'unico Comune in Europa con 7,5 milioni di metri quadri di sua proprietà, da Bagnoli ad Agnano, dove può fare quello che vuole senza chiedere niente a nessuno. Ma perché si deve lottizzare e cedere ai privati? È una cosa che deve realizzare il Comune per portare a casa gli utili. Bisogna – conclude – investire un miliardo di euro ma se ne possono ottenere quasi il doppio. E bisogna offrire questa opportunità ad altri? Non esiste proprio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un cambio di rotta significativo rispetto a quando chiedeva, soltanto nel marzo dello scorso anno, di rivedere il piano regolatore: proprio perché al posto del previsto parco pubblico aumentassero le cubature dell'edilizia alberghiera privata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento