FuorigrottaToday

Inchiesta Coppa America a Bagnoli, dissequestrati i beni di Marone e Hubler

La decisione è stata presa dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti. Sui due ex amministratori, accusati di danno erariale, dovrà esprimersi un tribunale civile

America's Cup a Napoli

Revocato il sequestro conservativo dei beni di Mario Hubler e Riccardo Marone, rispettivamente ex direttore generale e presidente della società di trasformazione urbana (ora dichiarata fallita) Bagnolifutura.

La decisione è stata presa dalla sezione giurisdizionale della Corte dei Conti, che ha accolto il ricorso della difesa contro il provvedimento, emesso lo scorso aprile, nell'ambito di un'inchiesta contabile sulla Coppa America.

La tesi accusatoria, della Procura della Corte dei Conti, vede i due ex amministratori aver causato un danno erariale al Comune di Napoli – ed alla stessa Stu – stimato in 485mila euro. Opere per questo importo, infatti, erano state realizzata a Bagnoli in vista della competizione che poi si svolse altrove dopo il diniego del nulla osta da parte del Ministero dell'Ambiente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Corte dei Conti, secondo i giudici che hanno disposto il dissequestro, non è competente su Bagnolifutura, stu e non società “in house” di un ente pubblico. “In questo caso – spiega la sezione giurisdizionale della stessa Corte dei Conti – occorre esperire i rimedi previsti dal codice civile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riaprono spiagge libere e stabilimenti balneari: l'ordinanza della Regione Campania

  • "Non siamo imbuti, abbiamo perso la felicità. Annullate l'esame di maturità": lo sfogo di una studentessa

  • Morte Pasquale Apicella, la vedova: "In quella macchina sono morta anche io"

  • Covid, focolaio al Cardarelli. Gli infermieri insorgono: "Situazione desolante"

  • "Il virus sta perdendo forza. Possiamo guardare con ottimismo al futuro": l'intervista a Giulio Tarro

  • Agguato ad Acerra, ucciso un uomo a colpi d'arma da fuoco

Torna su
NapoliToday è in caricamento