menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Fuorigrotta Today

Città della Scienza, ricostruzione alle porte: scelti 15 progetti

La commissione guidata da Luigi Amodio ha analizzato le 98 idee pervenute per la gara internazionale. Entro maggio graduatoria definitiva e via ai cantieri

Città della Scienza

La ricostruzione di Città della Scienza, il complesso scientifico e d'intrattenimento di via Coroglio dato alle fiamme il 4 marzo 2013, si avvicina sempre di più. Mentre proseguivano i preparativi per la festa a due anni dal rogo, la commissione presieduta dal direttore della struttura Luigi Amodio ha analizzato i 98 progetti arrivati entro il termine dello scorso 20 gennaio, scegliendone 15.

Il concorso, che rispetta l'anonimato dei partecipanti, era un bando di gara internazionale a cui hanno in effetti – a detta della Fondazione Idis – partecipato studi d'architettura anche dagli Usa e dalla Cina. La conclusione dell'iter è prevista per maggio, con la proclamazione dei primi tre classificati. Poi partiranno i cantieri, per un fine lavori previsto dopo due anni e mezzo. La spesa sarà di oltre 50 milioni, 33 dei quali saranno stanziati dal governo.

È alle porte la conclusione di una vicenda dolorosa e complessa quindi, partita con la crisi del museo (lunga la querelle con i lavoratori, per molti mesi non pagati), proseguita con un incendio doloso i cui autori non sono ancora stati identificati (la magistratura ha però fin qui puntato soprattutto sulla “pista interna”), e con le polemiche su come e soprattutto dove ricostruire, visto che molti – nel quartiere – avrebbero preferito il museo arretrasse di qualche decina di metri rispetto alla spiaggia così da rendere fruibile l'arenile.

Potrebbe interessarti

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Paolo
    Paolo

    33 milioni di soldi pubblici (I nostri soldi) verranno sciupati per costruire un'opera d'inutile intrattenimento ... questa è l'Italia! Che si spendano invece per infrastrutture pubbliche essenziali (trasporti, ciclo rifiuti, scuole, etc) piuttosto che per far ingrassare i soliti porci! Popolo ribelliamoci!

Più letti della settimana

  • Cronaca

    Agguato in via Catone: muore in ospedale un 37enne

  • Notizie SSC Napoli

    CALCIOMERCATO - Dalla Francia: "Psg, avviati contatti con entourage Higuain"

  • Cronaca

    Stefano, la telefonata alla fidanzata dopo l'incidente: "Sto bene". Poi la fine

  • Cronaca

    Gomorra, intervista alla trans Alessandra Langella: "Ogni giorno mi scontro con i pregiudizi"

Torna su