FuorigrottaToday

Città della Scienza contro il progetto per Bagnoli: “Cancellato lo Science Center”

La Fondazione Idis protesta: “Il Comune di Napoli cancella la ricostruzione dello Science Center bruciato che era prevista per il 4 marzo 2020 e che mai accetteremo di vedere deportato”

Città della Scienza protesta per i contenuti dell'accordo su Bagnoli siglato ieri in Prefettura tra Comune di Napoli, Regione Campania e Governo. “Il Comune di Napoli cancella la ricostruzione dello Science Center bruciato che era prevista per il 4 marzo 2020 e che mai – spiegano in un documento pubblicato oggi dalla Fondazione Idis – la Fondazione Idis accetterà di vedere deportato”.

Il Cda della Fondazione Idis sostiene inoltre che “in sfregio al Piano regolatore vigente, all'accordo programma quadro sottoscritto il 14 agosto 2014 dallo stesso sindaco de Magistris, dal presidente del consiglio Renzi e dal presidente della Regione Caldoro, su richiesta non negoziabile del Comune di Napoli è stata sviluppata una proposta che prevede di acquisire al lungomare tutte le aree di sedime dei volumi incendiati lasciando lungo il percorso fronte mare solo i ruderi dell'antica vetreria”.

IL PROGETTO PER BAGNOLI: ECCO COME SARA'

Potrebbe interessarti

  • "Arrassusia!": quando i napoletani veraci usano questo scongiuro

  • Fusaro: riapre il frutteto borbonico. Toccherà quindi alla pista ciclabile

  • "Tengo 'e lappese a quadriglie!": cosa significa e da dove viene quest'espressione

  • Sabbia in casa: come liberarsene

I più letti della settimana

  • Boato a Giugliano, esplode una villetta. Il sindaco: "Due feriti gravi"

  • Muore Annamaria Sorrentino: era precipitata dal terzo piano mentre era in vacanza in Calabria

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Possibile scambio Hysaj-Schick con la Roma?

  • Temporeggiava sulla soglia del portone: in manette giovane spacciatrice

  • Calciomercato Napoli 2019-2020: trattative, acquisti e cessioni

  • Bimba napoletana autistica interrompe il Papa, Francesco: "Dio parla attraverso di lei"

Torna su
NapoliToday è in caricamento