FuorigrottaToday

Un gladiatore per due arene: Acciaierie Sonore vs Arena Flegrea

Nasce l'Auditorium della Musica a Bagnoli nell'ex Italsider in concorrenza con l'Arena Flegrea. Due partecipate comunali nella stessa area senza un piano coordinato. Primo appuntamento il 9 luglio con gli Skunk Anansie

Ha tutta l’aria di essere uno scontro tra Titani: due società partecipate dell’amministrazione comunale di Napoli e due arene a contendersi gli eventi più appetibili che richiameranno il pubblico estivo.

Parliamo del progetto di un nuovo Auditorium “Acciaierie Sonore” che sarà parte del Parco della Musica e che pare voler fare concorrenza alla Mostra d’Oltremare e alla sua Arena Flegrea, protagonista indiscussa delle ultime estati partenopee, avendo accolto decine di concerti e spettacoli con la sua splendida location. L’arena, lo ricordiamo, è considerata "una delle opere più cospicue e lodevoli della Mostra d’Oltremare, nonché il primo edificio del genere costruito in Italia".

L’Acciaieria musicale nascerà dalle ceneri dell’ex Italsider, a Bagnoli, negli spazi dell’attuale Bagnoli Futura. La struttura scoperta, posta non in riva al mare, sarà costituita da ottomila posti a sedere ed unidicimila in piedi.

L’inaugurazione è prevista per questa estate ed è già stato ufficializzato il primo concerto, previsto per il 9 luglio. A salire sul palco saranno gli Skunk Anansie nell’ambito del Neapolis Festival 2011" . Fino a qualche settimana fa, l’Acciaieria era già prenotata per ospitare il Forum delle Culture, ma a causa dei ritardi nei lavori di bonifica di Bagnoli l’importantissimo evento è stato spostato alla Mostra D’Oltremare, che sembra segnare il primo punto in questa ipotetica “guerra” all’ultimo spettacolo.

Sul sito dell’associazione Napolipuntoeacapo si legge che a gestire l’Acciaieria sonora sarà il "WikiGroup, formatosi da poche settimane, mettendo insieme organizzatori di concerti e fornitori di servizi del settore con un presidente del Consiglio di Amministrazione come Dario Scalabrini ex amministratore dell’Ept Napoli e anima spettacolare dell’era bassoliniana".

La struttura sorge a pochi passi dalla Mostra d’Oltremare. Difficile dunque non pensare che partirà presto lo scontro e la caccia allo spettacolo più invitante, cercando di pizzicare anche il cartellone dell’Arena Flegrea. Tutto normale in un libero mercato che si regge sulla concorrenza, ma la stranezza del caso in particolare è che si tratta di due strutture a partecipazione pubblica, realizzate anche con soldi pubblici, non di aziende private. Infrastrutture destinate allo stesso utilizzo che occuperanno pressappoco la stessa area, ma senza un piano coordinato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, grave lutto per Luisa Amatucci: si è spenta la madre

  • Lutto per l'attore Alessandro Preziosi, è morto il padre Massimo

  • Ancelotti, lo splendido post della figlia Katia: "Napoli è una mamma. Vado via piangendo"

  • Ancelotti rompe il silenzio, il messaggio sui social dopo l'esonero

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - Ibra e Torreira i principali obiettivi per gennaio?

  • Napoli, Gattuso vivrà a Posillipo nella casa che fu di Lavezzi

Torna su
NapoliToday è in caricamento